Canzoni Popolari
Sabet
Vintiquater de Giugn
 
   
  Dal Dialetto milanese...
S’ênn conosciuti a la catena di montaggio:
lei, tutta bianca, che spiccava in quel candor.
Gigi Lamera, ed abitava dietro Baggio,
era il suo nome; ma non era un tipo snob!
"Scusi, signore: per andare alla toeletta?"
"Scusi, signora, ma rispondere non so. "
"Lei, al lavoro come viene?" "In bicicletta... "
"Ma non è fine! La credevo un gran signore... "
Prendeva il treno per non essere da meno;
prendeva il treno per sembrare un gran signor!
E la rivide, dempre in sede di montaggio,
lei tutta fresca, con un fresco cappellin
"Gigi Lamera, si ricorda? Vivo a Baggio... "
"Si, vagamente.. Lei è ciclista o giù di lì"
"Macché ciclista! Prendo il treno dietro a Baggio!"
- ed ostentava un cravatta dell’Upìm-
"Voglia gradire questi fiori come omaggio... "
"Che fiori sono?!?" "Signorina, i hoo fà mi!"
Prendeva il treno per non essere da meno;
ma già deluso da quel grande, assurdo amor!
L’han licenziato, in un bel giorno a fine maggio
che l’han trovato a tagliar fiori int’i lamée;
adesso è ottobre, fa già freddo, ma il coraggio
di dirlo in casa, col perchè, lu ghe l’ha no!
E tun-tun-tun che l’vol savé (.............)
"Gigi, l’è tardi!..." come pure, ogni mattina
lesto si avvia, con la cartella sotto il braccio,
male annodata la cravatta dell’Upim...
e prende il treno per non essere da meno,
e piange e ride per quel grande, assurdo amor!
e prende il treno per non essere da meno,
e piange e ride per quel grande, assurdo amor!

Segnalato da Testo & musica di Enzo Jannacci

 
     
 

..:: A ::..

 
Andava a Rogoredo...
 

..:: B ::..

 
Basta!...
Befana...
Bej ogitt...
 

..:: C ::..

 
Camerée porta ’n mezz liter...
Cara Mamma...
Caro 'l mè Toni sta' su alegher...
Cum'in bei, Cum'in bei...
 

..:: D ::..

 
Daghen on taj...
Dim e didom e didom e didera...
Dona che te durmivet...
 

..:: E ::..

 
E l’era tardi...
E mi la donna bionda...
E savé...
El Barbapedana...
El barbon di navili...
El gir del mond...
El Magnano...
El me indiriss...
El Minestron...
El moletin...
El Piscinin (De tant Piscinin che l’era)...
El piuveva de tri dì...
El pover Luisin...
El purtava i scarp de tennis (1964)...
El purtava i scarp de tennis (1972)...
El Ridicol Matrimòni...
El sindich de Precòtt...
 

..:: F ::..

 
Faceva il palo...
 

..:: H ::..

 
Ho visto un re...
 

..:: I ::..

 
I giovinòtti al sabet de sira...
Il Frate Cappuccino...
Il Moro della Vedra...
In libertà ti lascio...
 

..:: L ::..

 
La Balilla (1)...
La Balilla (2)...
La ballata del pittore...
La bela Gigogin...
La bella Gigogin...
La bella la va al fosso...
La forza dell’amore...
La luna è una lampadina...
La Marianna la va in campagna...
La mensa collettiva...
La mia morosa cara...
La moglie di Cecco Beppe...
La montagna de San Sir...
La povera Rosetta...
La Ragazza Guerriera...
La roeuda la gira...
L’uselin dela comare...
 

..:: M ::..

 
Ma mi...
Magic, moment...
Mariettina...
Montecarlo...
M’hann ciamaà...
 

..:: O ::..

 
O mia bella Madunina...
 

..:: P ::..

 
Pellegrin che vien da Roma...
Pepin pepin Pepetu...
Pepp va pian...
Per un basin...
Piva Piva...
Porta Romana bella...
Prendeva il treno...
 

..:: Q ::..

 
Quel dì di lune...
 

..:: S ::..

 
San Giuseppe e la Madona...
Se gh’han de dì...
Se sa che a parlà de Milan se fa minga fadiga...
Serafino aveva un siffolo...
Sont rivaa de Cinisell...
Spazzacamino...
 

..:: T ::..

 
Tì te set in lett...
Trapulin ca ciapa i rat...
 

..:: V ::..

 
Varda Gyulai...
 
Aggiungi ai Preferiti
Copyrights

     
Powered by Stefano ©