Poesie
Sabet
Desnov de Agost
 
   
  Dal Dialetto milanese...
El vecc el parla mai...
El tas, mezz indorment,
per tegnì strett el fiaa
che ormai l’è on poo stemegna.
Compagn de dò zibrett
i man ripòsen stracch
sul manegh d’ona ranza
col taj a reseghetta
ch’el streppa nanca pù
l’ortiga che la impiaga
i gamb sgonfi de venn.
“Te se ricòrdet pù?”
la dis la ranza frusta
“el ferr de la mia lama
sui praa de la marscida
ranzaa in mezza giornada?
Con tì, drizz ’me ona pobbia,
che nanca on temporal
d’agost l’avriss piegaa?
Per datt l’acqua sorgiva
i bej tosann di vòlt
taccaven lit, trusciaven
per on basin de sfròs,
per on sospir e i sgrisor
di fianch brancaa sul fen
de luj, quand i sottann
pendeven a bandera
sui spinn de la rubina.
Quanti paròll per nient
volaven in sul fen,
giugaven in del vent.”
Intant che la bassora
la smòrza l’ultim ciar,
el vecc el derva bocca,
el biassa con pòcch fiaa...:
“Ah, se podessi anmò,
col ferr de la toa lama,
ranzà in d’on para d’or
el praa de la marscida
e corr in mezz a l’erba
a disligà ona trezza,
on naster coloraa...
e robattà on sospir.”
El vecc e la soa ranza,
poggiaa contra on moron,
se guarden, parlen pù
e se indormenten pian...
On ghezz che se n’impippa
el fa scrizzà dò fœuj de l’ann passaa...

Ovvero...
Il vecchio non parla mai...
Tace, sonnolento
per trattenere un respiro
che ormai si è fatto avaro.
Al pari di due ciabatte
le sue mani riposano stanche
sul manico di una falce
dal filo seghettato
che ormai non taglia neppure più
l’ortica che piaga
le gambe gonfie di vene.
“Non ti ricordi più?”
– dice la falce consunta –
“il ferro della mia lama
sui prati della marcita
segati in mezza giornata?
Con te, dritto come un pioppo
che neppure un temporale
d’agosto avrebbe piegato?
Per offrirti l’acqua sorgiva
le belle ragazze, alle volte,
litigavano, si davano da fare
per un bacio rubato
per un sospiro e i brividi
dei fianchi ghermiti sul fieno
di luglio, quando le gonne
penzolavano a bandiera
sulle spine della robinia.
Quante parole inutili
volavano sul fieno,
giocavano nel vento.”
Mentre il crepuscolo
spegne l’ultima luce,
il vecchio apre bocca,
biascica con poco respiro...:
“Ah, se potessi ancora
con il ferro della tua lama,
segare in un paio d’ore
il prato della marcita
e correre tra l’erba
a slegare una treccia,
un nastro colorato...
e rubare un sospiro...”
Il vecchio e la sua falce,
appoggiati contro un gelso,
si guardano, non parlano più
e si addormentano pian piano.
Un ramarro, che non se ne cura,
fa scricchiolare due foglie dell’anno passato.


Sono invecchiati insieme:
il vecchio contadino e la sua falce. All'ombra di un gelso ricordano,
l'uno la sua forza giovanile, i suoi amori e l'altra la lucentezza
della propria lama.
Eterno ritornello della giovinezza perduta, ma con la bellezza della serenità raggiunta che purtroppo manca ai nostri giorni.

Segnalato da Segnalato da Focabarbisa su concessione dell'autore Marco Candia

 
     
 

..:: A ::..

 
A la mia nòna...
A la mia Nona...
Agost on amor e......
Al mè amis Pieraldo...
Arnes de guera...
 

..:: C ::..

 
Car, el mè car Milan...
Cassina lombarda...
Ciao Giorgio (el sciur G.)...
Ciao Pirata...
 

..:: D ::..

 
Des de Giugn 1940...
 

..:: E ::..

 
El Doveva Nò...
El grand òmm e l'Angiol custòd...
El me Milan...
El mond balòss...
El Nòster Dòmm (E.De Marchi)...
El Nòster Dòmm! (M.Turati)...
El Risott...
El Vecc, la Ranza e on Ghezz...
El vintinœuv de Magg 1176...
 

..:: F ::..

 
Foeùja gialda...
 

..:: G ::..

 
Gh'è chì la primavera...
 

..:: I ::..

 
I bombon...
I man del mè papà...
I stagion de la lus a forfee...
Il presepe...
In difesa della cusina milanesa...
In Dòmm...
 

..:: L ::..

 
La curtascia...
La mia povera nonna la gh’aveva...
La nostra Madunina...
La Pulitica...
La Ranza...
La stria de Fausto...
Lombardia...
Luna Inversa...
L’ Aquila...
L’eleziun del President...
L’ultim valzer con lù (1859)...
 

..:: M ::..

 
Madrigal...
Maria Dolens...
Mè Mader...
Milan che Dòrma...
Milan! Natal 1961...
Milanin Milanon...
Miseria...
 

..:: N ::..

 
Natale 1993...
Nev...
Ninètta del Verzee...
 

..:: O ::..

 
O bèll faccin...
 

..:: P ::..

 
Piang el vent...
Piassa Quaranta...
Preghiera disperada...
Primavera...
 

..:: R ::..

 
Requiem per Sant Ambroeus...
 

..:: S ::..

 
Sant'Anna...
Sensazion d'on Natal...
Sògn...
 

..:: U ::..

 
Ul me par ca l'è...
 

..:: V ::..

 
Voeuja de Natal...
Vori nò el paradis...
 
Aggiungi ai Preferiti
Copyrights

     
Powered by Stefano ©