Poesie
Luned
Vintiquater de Lj
 
   
  Dal Dialetto milanese...
Mè mader dent per dent la barbottava
che mi seri patii, che seri smòrt.
Mè mader dent per dent la me diseva:
"...te ghhee ona brutta cera...
te tiret tard la sera..."
Mè mader la rognava, la vosava
Mè mader, se tossivi, la pativa...
...mè mader... la stuffiva.
Adess la rògna pù, la tas, la vosa pù.
La tas, la parla pù e mi la inzighi...
Ghe disi che son smòrt,
che ghhoo na brutta cera
perch foo tard la sera.
Ma lee la tas... la tas e mì... la ciami.

Ovvero...
Mia Madre
Mia madre di tanto in tanto borbottava
che io ero smunto, ero pallido.
Mia madre di tanto in tanto mi diceva:
"...hai una brutta cera...
fai troppo tardi la sera..."
Mia madre era noiosa, gridava...
Mia madre, se tossivo, soffriva.
Mia madre stancava.
Ora non annoia più, tace, non grida più.
Tace non parla più ed io la provoco...
Le dico che sono pallido,
che ho una brutta cera
perch faccio tardi la sera.
Ma lei tace... tace ed io la invoco.


...ma lei tace tace
Chi non si è sentito rimproverare dalla propria madre un rientro a casa poco puntuale e magari a notte inoltrata?
Quante volte siamo stati rimproverati per uno scarso riguardo nei confronti della nostra salute?
Si sbuffava, si alzavano le spalle in segno di noia per leccessiva premura di cui eravamo oggetto.
Chi di noi non vorrebbe risentire quei rimbrotti?
Solitamente le Poesie uno se le ricorda in occasione di qualche evento storico o di attualità oppure come in questo caso la visita ai Cimiteri dove riposano i nostri cari, in particolare quando chi ci ha lasciato tanto tempo fà è una persona cara, anzi, la 'più' cara in assoluto ....la propria Madre.
Ebbene quel ricordo rimane scolpito nella memoria come fosse scritto sulla roccia e ricordando l'amore e il bene che ci ha voluto e ci lasciato, una lacrima in sordina ti scivola senza accorgerti pensando a Lei.
Questa Poesia scritta dal Marco Candiani, in perfetto dialetto milanese fà ricordare con una particolare commozione priva di banalità 'colei' che più di tutti abbiamo amato.

Segnalato da Poesia di un Marco Candiani.
Segnalata da Focabarbisa

 
     
 

..:: A ::..

 
A la mia nna...
A la mia Nona...
Agost on amor e......
Al m amis Pieraldo...
Arnes de guera...
 

..:: C ::..

 
Car, el m car Milan...
Cassina lombarda...
Ciao Giorgio (el sciur G.)...
Ciao Pirata...
 

..:: D ::..

 
Des de Giugn 1940...
 

..:: E ::..

 
El Doveva N...
El grand mm e l'Angiol custd...
El me Milan...
El mond balss...
El Nster Dmm (E.De Marchi)...
El Nster Dmm! (M.Turati)...
El Risott...
El Vecc, la Ranza e on Ghezz...
El vintinuv de Magg 1176...
 

..:: F ::..

 
Foeja gialda...
 

..:: G ::..

 
Gh' ch la primavera...
 

..:: I ::..

 
I bombon...
I man del m pap...
I stagion de la lus a forfee...
Il presepe...
In difesa della cusina milanesa...
In Dmm...
 

..:: L ::..

 
La curtascia...
La mia povera nonna la ghaveva...
La nostra Madunina...
La Pulitica...
La Ranza...
La stria de Fausto...
Lombardia...
Luna Inversa...
L Aquila...
Leleziun del President...
Lultim valzer con l (1859)...
 

..:: M ::..

 
Madrigal...
Maria Dolens...
M Mader...
Milan che Drma...
Milan! Natal 1961...
Milanin Milanon...
Miseria...
 

..:: N ::..

 
Natale 1993...
Nev...
Nintta del Verzee...
 

..:: O ::..

 
O bll faccin...
 

..:: P ::..

 
Piang el vent...
Piassa Quaranta...
Preghiera disperada...
Primavera...
 

..:: R ::..

 
Requiem per Sant Ambroeus...
 

..:: S ::..

 
Sant'Anna...
Sensazion d'on Natal...
Sgn...
 

..:: U ::..

 
Ul me par ca l'...
 

..:: V ::..

 
Voeuja de Natal...
Vori n el paradis...
 
Aggiungi ai Preferiti
Copyrights

     
Powered by Stefano