Poesie
Marted
Vintun de Febrar
 
   
  Dal Dialetto milanese...
Tucc i nòtt se sentiva el tò fiaa
sui basei de ca mia.
Te passavet superba e sicura
sòtta l'uss cariolaa
e in di serc d'ona stua gelada
che smorbiava i tocchei de marògna.
Te mettevet insemma gelon,
e ricamm in sui veder de giazz
e quij ranf che diseven la famm.
A brascett cont i dònn a coo bass
te ciappavet la strada di gucc
che portava in del Mont de Pietà:
ona strada de rògn e vergògna
con la vera, el brelòcch,
dò fodrett e on lenzu.
E la famm la stringeva i penser
in d'on frecc che sgagnava la pell.
O miseria d'on temp senza cur...
Gh'era tròpp carimaa
su la faccia di gent
che biassava orazion senza piang.
Te see in gir ancamò,
te see pù tròpp superba e sicura
senza ver e brelòcch.
Ma te scampet an'mò,
e te vivet tra cortei e lampion
e la gent che dis pù orazion.

Ovvero...
Tutte le notti si udiva il tuo respiro
sui gradini di casa mia.
Passavi superba e sicura
sotto l'uscio tarlato
e nei cerchi di una stufa ghiacciata
che disprezzava i pezzetti di scoria.
Tu mischiavi geloni
e ricami sui vetri di ghiaccio
e quei crampi che parlavan di fame.
Al braccio di donne a testa bassa
tu prendevi la strada dolorosa
che portava al Monte di Pietà;
una strada di guai e vergogna
con la fede, il ciondolo,
due federe e un lenzuolo.
E la fame stringeva i pensieri
in un freddo che mordeva la pelle.
Oh, miseria di un tempo senza cuore...
C'erano troppe occhiaie
sul viso della gente
che biascicava preghiere senza piangere.
Sei ancora in giro
non sei più molto superba e sicura
senza fedi e ciondoli,
ma campi ancora di nascosto,
e vivi tra coltelli e lampioni,
tra la gente che non dice più orazioni.

Segnalato da Poesia di Marco Candiani. Segnalata da Focabarbisa

 
     
 

..:: A ::..

 
A la mia nna...
A la mia Nona...
Agost on amor e......
Al m amis Pieraldo...
Arnes de guera...
 

..:: C ::..

 
Car, el m car Milan...
Cassina lombarda...
Ciao Giorgio (el sciur G.)...
Ciao Pirata...
 

..:: D ::..

 
Des de Giugn 1940...
 

..:: E ::..

 
El Doveva N...
El grand mm e l'Angiol custd...
El me Milan...
El mond balss...
El Nster Dmm (E.De Marchi)...
El Nster Dmm! (M.Turati)...
El Risott...
El Vecc, la Ranza e on Ghezz...
El vintinuv de Magg 1176...
 

..:: F ::..

 
Foeja gialda...
 

..:: G ::..

 
Gh' ch la primavera...
 

..:: I ::..

 
I bombon...
I man del m pap...
I stagion de la lus a forfee...
Il presepe...
In difesa della cusina milanesa...
In Dmm...
 

..:: L ::..

 
La curtascia...
La mia povera nonna la ghaveva...
La nostra Madunina...
La Pulitica...
La Ranza...
La stria de Fausto...
Lombardia...
Luna Inversa...
L Aquila...
Leleziun del President...
Lultim valzer con l (1859)...
 

..:: M ::..

 
Madrigal...
Maria Dolens...
M Mader...
Milan che Drma...
Milan! Natal 1961...
Milanin Milanon...
Miseria...
 

..:: N ::..

 
Natale 1993...
Nev...
Nintta del Verzee...
 

..:: O ::..

 
O bll faccin...
 

..:: P ::..

 
Piang el vent...
Piassa Quaranta...
Preghiera disperada...
Primavera...
 

..:: R ::..

 
Requiem per Sant Ambroeus...
 

..:: S ::..

 
Sant'Anna...
Sensazion d'on Natal...
Sgn...
 

..:: U ::..

 
Ul me par ca l'...
 

..:: V ::..

 
Voeuja de Natal...
Vori n el paradis...
 
Aggiungi ai Preferiti
Copyrights

     
Powered by Stefano