Poesie
Giuedì
Vintinov de Giugn
 
   
  Dal Dialetto milanese...
Sott el sô foghent de luj
el forment l’è andaa in cassina,
’dess ripòsen i pajsan
settaa-giò sòtt ona tòppia
a fass aria col capell.
I scigad, intant che canten,
tiren sera e se n’impippen
di formigh che vann e vegnen
sòtt i tavol de l’osteria
cont in bocca ’na freguja.
Sciscen vin trè o quatter mosch
sul redond che hann lassaa-giò
i biccer sul tappee verd.
Slòffi e stracch, quell di croccant,
el pisòcca in d’on canton
cont i brasc su la cavagna...
el sent pù, nanca a mazzall,
el frecass che fann i bòcc
quand s’inzucchen contra i ass.
Duu fiolòtt giughen a mora...
“...quatter, trii... pòrta de bev,
pòrta on mezz bella popòla
con dò tazz e ona gazzosa...”
...e intrattant con la manina...
“Ten giò i man, demòni frust”
la sgariss la maneggiòna
ma la rid e i duu pomej
paren pròpi pòmm granaa.
Bella gent, bella campagna,
bella tutta la Brianza,
bell el gatt tutt stravaccaa,
indorment sù la cadrega.
Quand el sô, dedree i moroni,
pòcch a pòcch el ciappa el luster,
ven a oltra i codeghin
bej mostos, col pan, col vin.
Pòrten foeura el vertical
e i cadregh, arent al mur,
lassen pòst per la mazurca.
Riva i fioeu, riva i tosann
cont in faccia an’mò i fadigh
del forment tribbiaa su l’era
ma in di oeucc gh’hann dent la voeuja
de saltà, de voress ben.
’Dess se fiada, ormai l’è sera
e de sfròs, de nascondon
’na quaj còppia la spariss
tra i filer de formenton.
Sòtt el pòrtich de la stalla
gh’è on ciccin d’aria corrent,
la ten fresch quatter donnett
che farfojen el rosari.
Se fa tard, l’è quasi nòtt,
se saluden fioeu e tosann
coi fil d’erba in di cavej
intrezzaa col voress ben.
Sòtt el ciar de luna pienna
la se pòggia la rosada
che carezza la campagna
’me ’l sudor di nòster vecc.

Ovvero...
Cascina lombarda

Sotto il sole infuocato di luglio
il grano è andato in cascina.
Ora i contadini riposano
sotto il pergolato
e si fanno aria con il cappello.
Le cicale, mentre cantano,
tirano sera e non si curano
delle formiche che vanno e vengono
sotto i tavoli dell’osteria
con una briciola in bocca.
Tre o quattro mosche succhiano vino
sul circolino che i bicchieri han lasciato
sul tappeto verde.
Stanco e sfinito, quello dei croccanti,
sonnecchia in un angolo
con le braccia sul cesto;
non sente nemmeno ad ammazzarlo
il rumore che fanno le bocce
quando s’inzuccano contro le assi.
Due ragazzotti giocano a mora...
“...quatter... trii... porta da bere,
porta un mezzo litro bella figliola
con due tazze e una gazzosa...”
...e intanto, con la manina...
“...Giù le mani... brutto demonio...”
urla la servente,
ma ride e le sue guance
sembrano proprio melagrane.
Bella gente, bella campagna,
bella tutta la brianza.
Bello il gatto spaparazzato,
sonnacchioso sulla sedia.
Quando il sole, oltre i gelsi,
a poco a poco se ne va,
si fanno avanti i cotechini
ben mostosi, col pane, il vino.
Portano fuori il verticale
e le sedie vicino al muro
lasciano posto alla mazurca.
Arrivano i ragazzi, le fanciulle
con in faccia le fatiche
del grano trebbiato sull’aia,
ma negli occhi la voglia
di saltare, volersi bene.
Ora si respira, ormai è sera
e di nascosto
qualche coppia scompare
tra i filari di granoturco.
Sotto il porticato della stalla
c’è un po’ d’aria corrente,
tiene al fresco quattro donnette
che farfugliano il rosario.
Si fà tardi, è quasi notte,
si salutano i ragazzi
con i fili d’erba nei capelli
intrecciati nell’amarsi.
Sotto il chiar di luna
si posa la rugiada
che accarezza la campagna
come il sudore dei nostri vecchi.


Scena campestre che contempla i semplici divertimenti di un tempo.
Il tutto è ben lontano dal rumoroso tambureggiare delle discoteche odierne, dalle intasate Autostrade, o dai deprimenti spettacoli Televisivi.
Forse è un 'quadretto' vissuto, forse soltanto sognato, ma così doveva essere.
Peccato essere nati troppo tardi.

Più che una Filastrocca questa è una Poesia, e che Poesia per me è un quadro scritto ed è semplicemente bellissima, inoltre è in tema con il mese di Luglio che sta arrivando, e che dipinge molto bene la dolce Terra di Lombardia, grazie alla bravura del mio amico Marco Candiani... il numero UNO dei Poeti dialettali milanesi... vivente.

Segnalato da Segnalato da Focabarbisa su concessione dell'autore Marco Candia

 
     
 

..:: A ::..

 
A la mia nòna...
A la mia Nona...
Agost on amor e......
Al mè amis Pieraldo...
Arnes de guera...
 

..:: C ::..

 
Car, el mè car Milan...
Cassina lombarda...
Ciao Giorgio (el sciur G.)...
Ciao Pirata...
 

..:: D ::..

 
Des de Giugn 1940...
 

..:: E ::..

 
El Doveva Nò...
El grand òmm e l'Angiol custòd...
El me Milan...
El mond balòss...
El Nòster Dòmm (E.De Marchi)...
El Nòster Dòmm! (M.Turati)...
El Risott...
El Vecc, la Ranza e on Ghezz...
El vintinœuv de Magg 1176...
 

..:: F ::..

 
Foeùja gialda...
 

..:: G ::..

 
Gh'è chì la primavera...
 

..:: I ::..

 
I bombon...
I man del mè papà...
I stagion de la lus a forfee...
Il presepe...
In difesa della cusina milanesa...
In Dòmm...
 

..:: L ::..

 
La curtascia...
La mia povera nonna la gh’aveva...
La nostra Madunina...
La Pulitica...
La Ranza...
La stria de Fausto...
Lombardia...
Luna Inversa...
L’ Aquila...
L’eleziun del President...
L’ultim valzer con lù (1859)...
 

..:: M ::..

 
Madrigal...
Maria Dolens...
Mè Mader...
Milan che Dòrma...
Milan! Natal 1961...
Milanin Milanon...
Miseria...
 

..:: N ::..

 
Natale 1993...
Nev...
Ninètta del Verzee...
 

..:: O ::..

 
O bèll faccin...
 

..:: P ::..

 
Piang el vent...
Piassa Quaranta...
Preghiera disperada...
Primavera...
 

..:: R ::..

 
Requiem per Sant Ambroeus...
 

..:: S ::..

 
Sant'Anna...
Sensazion d'on Natal...
Sògn...
 

..:: U ::..

 
Ul me par ca l'è...
 

..:: V ::..

 
Voeuja de Natal...
Vori nò el paradis...
 
Aggiungi ai Preferiti
Copyrights

     
Powered by Stefano ©