Poesie
Sabet
Vintiquater de Giugn
 
   
  Dal Dialetto milanese...
Stanòtt, per ona nòtt,
lè festa granda.
Lè on vintinuv de magg
de sògn e de miracol!
Tra el Lamber e lOlòna,
sui bricch e vers la bassa,
cress el ciaror di stell,
pizzen i ciar in piazza.
Croccant, zuccher filaa, cavagn de gamber.
Fiolitt in spagoletta
per doggionà i pignatt ligaa su on fil
chel corr per i sagraa de Lombardia.
Domà per ona nòtt
la luna la desseda i nòster mòrt,
i vecc che senza ciaccer
hann faa la nòstra stòria cont i cai.
In di foppon, dedree di muradej,
sceppen i legn, se ciamen...
creppen el marmor frecc...
traversen i contrad, i fontanitt.
Riven de Lòd, Vares,
riva i lombard...
Ciamen a quej che incontren
la strada de Legnan.
e in dona nòtt de lus compagn de questa,
podeva nò mancà vun de Giussan,
de grinta scura e sciabola in di man.
Cress el fracass di zòccor...
gipp de fustagn e sòcch longh me la famm,
manden in laria fina di campagn,
odor de fen, de crosta de polenta...
...profumm de gent onesta.
Stanòtt, per ona nòtt,
vuren vedè el leon, quell chel rampega;
vuren cantà in la gesa de San Magn.
Cantemm in de la nòtt coi nòster vecc,
cantemm i sògn...
cantemm fin che ven ciar.

Ovvero...
Il ventinove di Maggio 1176

Questa notte, per una notte,
è festa grande.
un ventinove maggio
di sogni e di miracoli.
Tra il Lambro e lOlona,
sui monti e verso la bassa
cresce il chiarore delle stelle,
accendono le luci in piazza.
Croccanti, zucchero filato, ceste di gamberi,
bambini e cavalluccio
per adocchiare le pentole legate ad un filo
che corre per i sagrati di Lombardia.
Soltanto per una notte
la luna risveglia i nostri morti,
i vecchi che senza chiacchiere
han fatto la nostra Storia con i calli.
Nei cimiteri, dietro i muretti,
rompono i legni, si chiamano...
incrinano il freddo marmo,
attraversano le contrade, i fontanili.
Arrivano da Lodi, Varese...
arrivano i lombardi...
Chiedono a coloro che incontrano
la via per Legnano.
e in una notte di luce come questa,
non poteva mancare uno di Giussano,
con la faccia scura e la sciabola nelle mani.
Aumenta il rumore degli zoccoli...
Giacche di fustagno e gonne lunghe come la fame
mandano nellaria fine delle campagne
odor di fieno, di crosta di polenta...
profumi di gente onesta.
Questa notte, per una notte,
vogliono vedere il leone, quello rampante:
vogliono cantare nella chiesa di San Magno.
Cantiamo nella notte con i nostri avi,
cantiamo i sogni...
cantiamo fino allalba.


Questa stupenda Poesia parla della gente di Lombardia e descrive una pagina di Storia, che tutti a scuola abbiamo studiato:
Il 29 maggio 1176, quel Barbarossa che oltraggiò città di Milano, fu finalmente sconfitto a Legnano dall'unione dei Lombardi, uniti dal Giuramento di Pontida.
Anche oggi vi sono dei poveri personaggi, molto ma molto meno importanti del Barbarossa, che oltraggiano Milano imbrattandone i muri e... altro; e lo fanno nottetempo, come topi codardi...
Chissà se i Lombardi liberi ed onesti, come dice la poesia, anche solo "moralmente" uniti si ribelleranno come fu in quel glorioso, lontano giorno (almeno con carta e penna) contro il degrado civile e morale che ormai attanaglia Milano.

Segnalato da Poesia di Marco Candiani. Segnalata da Focabarbisa

 
     
 

..:: A ::..

 
A la mia nna...
A la mia Nona...
Agost on amor e......
Al m amis Pieraldo...
Arnes de guera...
 

..:: C ::..

 
Car, el m car Milan...
Cassina lombarda...
Ciao Giorgio (el sciur G.)...
Ciao Pirata...
 

..:: D ::..

 
Des de Giugn 1940...
 

..:: E ::..

 
El Doveva N...
El grand mm e l'Angiol custd...
El me Milan...
El mond balss...
El Nster Dmm (E.De Marchi)...
El Nster Dmm! (M.Turati)...
El Risott...
El Vecc, la Ranza e on Ghezz...
El vintinuv de Magg 1176...
 

..:: F ::..

 
Foeja gialda...
 

..:: G ::..

 
Gh' ch la primavera...
 

..:: I ::..

 
I bombon...
I man del m pap...
I stagion de la lus a forfee...
Il presepe...
In difesa della cusina milanesa...
In Dmm...
 

..:: L ::..

 
La curtascia...
La mia povera nonna la ghaveva...
La nostra Madunina...
La Pulitica...
La Ranza...
La stria de Fausto...
Lombardia...
Luna Inversa...
L Aquila...
Leleziun del President...
Lultim valzer con l (1859)...
 

..:: M ::..

 
Madrigal...
Maria Dolens...
M Mader...
Milan che Drma...
Milan! Natal 1961...
Milanin Milanon...
Miseria...
 

..:: N ::..

 
Natale 1993...
Nev...
Nintta del Verzee...
 

..:: O ::..

 
O bll faccin...
 

..:: P ::..

 
Piang el vent...
Piassa Quaranta...
Preghiera disperada...
Primavera...
 

..:: R ::..

 
Requiem per Sant Ambroeus...
 

..:: S ::..

 
Sant'Anna...
Sensazion d'on Natal...
Sgn...
 

..:: U ::..

 
Ul me par ca l'...
 

..:: V ::..

 
Voeuja de Natal...
Vori n el paradis...
 
Aggiungi ai Preferiti
Copyrights

     
Powered by Stefano