Poesie
Sabet
Vintiquater de Giugn
 
   
  Dal Dialetto milanese...
Sott i frustad de l’acqua,
contra i boffad del vent,
con la toa faccia guzza
che la cuntava-su i patiment
di tò paisan, de tutta la toa gent,
te rampegavet strad ch’eren sentee
compagn d’on cavriœu in libertà.
Smaggia celesta e bianca la toa maja
che la volava dent el verd di lares
ò sora strad foghent al sô de luj;
Ma l’ombra de la toa bicicletta
l’era minga on manuber e dò rœud...
L’era ona stria, l’era la dislippa
che la ghignava a sentì el tò nòmm
de chì ò de là di Alp... Fausto ò Fòstò.
L’era gemò on bell pezz che la saveva
che a quarant’ann, cont i sò sgriff gelaa,
l’avria s’ceppaa i tò al.

Ovvero...
LA STREGA DI FAUSTO
Sotto le sferzate della pioggia,
contro il soffio del vento,
con il tuo viso aguzzo
che raccontava le sofferenze
dei tuoi paesani, di tutta la tua gente,
scalavi strade che erano sentieri
come un capretto in libertà.
Macchia celeste e bianca la tua maglia
che volava dentro il verde dei larici
o sopra strade infuocate al sole di luglio.
Ma l’ombra della tua bicicletta
non era un manubrio e due ruote…
Era una strega, era la sfortuna
che sghignazzava a sentire il tuo nome
al di qua o al di là delle Alpi… Fausto o Fostò.
Era da tempo che sapeva
che a quarant’anni, con i suoi freddi artigli
avrebbe spezzato le tue ali.


Dedicata a Fausto Coppi: Un cavaliere d’altri tempi
Poesia vincitrice del Primo premio B. Baroni della Poesia sportiva in dialetto aLugano nel 1997 e che ora a Ricordo del Campionissimo.
Uno dei più grandi, se non il più "grande", corridore ciclista di tutti i tempi; immemorabile l’antagonismo con Gino Bartali.
Quanti giovani le sere d’estate fuori dai bar commentavano le loro epiche imprese.
Allora lo "sport", quello vero, era "sano".

Segnalato da Segnalato da Focabarbisa su concessione dell'autore Marco Candia

 
     
 

..:: A ::..

 
A la mia nòna...
A la mia Nona...
Agost on amor e......
Al mè amis Pieraldo...
Arnes de guera...
 

..:: C ::..

 
Car, el mè car Milan...
Cassina lombarda...
Ciao Giorgio (el sciur G.)...
Ciao Pirata...
 

..:: D ::..

 
Des de Giugn 1940...
 

..:: E ::..

 
El Doveva Nò...
El grand òmm e l'Angiol custòd...
El me Milan...
El mond balòss...
El Nòster Dòmm (E.De Marchi)...
El Nòster Dòmm! (M.Turati)...
El Risott...
El Vecc, la Ranza e on Ghezz...
El vintinœuv de Magg 1176...
 

..:: F ::..

 
Foeùja gialda...
 

..:: G ::..

 
Gh'è chì la primavera...
 

..:: I ::..

 
I bombon...
I man del mè papà...
I stagion de la lus a forfee...
Il presepe...
In difesa della cusina milanesa...
In Dòmm...
 

..:: L ::..

 
La curtascia...
La mia povera nonna la gh’aveva...
La nostra Madunina...
La Pulitica...
La Ranza...
La stria de Fausto...
Lombardia...
Luna Inversa...
L’ Aquila...
L’eleziun del President...
L’ultim valzer con lù (1859)...
 

..:: M ::..

 
Madrigal...
Maria Dolens...
Mè Mader...
Milan che Dòrma...
Milan! Natal 1961...
Milanin Milanon...
Miseria...
 

..:: N ::..

 
Natale 1993...
Nev...
Ninètta del Verzee...
 

..:: O ::..

 
O bèll faccin...
 

..:: P ::..

 
Piang el vent...
Piassa Quaranta...
Preghiera disperada...
Primavera...
 

..:: R ::..

 
Requiem per Sant Ambroeus...
 

..:: S ::..

 
Sant'Anna...
Sensazion d'on Natal...
Sògn...
 

..:: U ::..

 
Ul me par ca l'è...
 

..:: V ::..

 
Voeuja de Natal...
Vori nò el paradis...
 
Aggiungi ai Preferiti
Copyrights

     
Powered by Stefano ©